Il successo sul lavoro, dipende dalle competenze trasversali (soft skills)

  • Libri

Dedico questo articolo al libro di Gaetano Carlotto SOFT SKILLS, Convincere con le compentenze trasversali e raggiungere i propri obiettivi pubblicato nel 2015 da FrancoAngeli.

L'autore dedica il libro "a chi cerca una spinta per ripartire"; in effetti, è un "libro da comodino", motivazionale...
Gli argomenti sono suddivisi in 13 capitoli, dei quali 11 sono dedicati a descrivere ed esemplificare ogni particolare "soft skill":

  1. la comunicazione - conversazione orale, scrittura, presentazione, ascolto, gestualità etc...
  2. la motivazione - capacità di lavorare in squadra, collaborare, ascolto attivo, aiutare, emotional intelligence / EQ, coaching & mentoring
  3. la leadership - definire obiettivi e priorità, prendere decisioni critiche, risolvere problemi, pensiero laterale
  4. la negoziazione - conciliare, trovare compromessi, lungimiranza, valutare rischi ed opportunità
  5. l'empatia - socievolezza, interesse per le emozioni degli altri, capacità di chiedere scusa, mettersi nei panni dell'altro...
  6. la fiducia in se stessi - confidenza, professionalità, equilibrio
  7. l'ottimismo - attitudine alla positività, entusiasmo, incoraggiamento, felicità
  8. la tensione al risultato - responsabilità, mantenere impegni, disciplina, capacità di concentrazione, desiderio di fare bene, concentrazione, gestione del tempo
  9. la flessibilità - adattabilità, propensione al cambiamento, apprendimento continuo
  10. la creatività - fantasia, nuove soluzioni
  11. l'intraprendenza - iniziativa, auto-motivazione, auto-organizzazione

Tuttavia, non vi è ancora una chiara "definizione" e "standardizzazione" delle soft skills; infatti, alle volte vengono usati sinonimi, ma altre ricerche, riconoscono anche:

  • la cortesia - educazione interpersonale, rispetto delle persone, auto controllo, pazienza, propensione al ringraziamento ed all'apprezzamento degli altri
  • l'integrità - onestà, autenticità, correttezza, generare fiducia
  • l'etica del lavoro - impegno, puntualità, partecipazione

Secondo Forbes, la sfida del 2020 nell'ambito della gestione dei clienti (CRM), sarà quella di sviluppare nel personale delle organizzazioni, il controllo delle soft skills per far sentire "valorizzati" i clienti e gestire in modo appropriato quesiti e preoccupazioni; perciò, si punta su empatia, autenticità e capacità di generare fiducia.

La CNN invece dedica un articolo per ottimizzare un curriculum evidenziando e bilanciando sia le hard che le soft skills, in modo da corrispondere meglio alle attese di una offerta di lavoro.

Il Finantial Times suggerisce altri 5 soft skill che i lavoratori dovrebbero acquisire e sviluppare per avere successo in un contesto lavorativo sempre più mutevole: adattabilità, creatività, capacità di collaborazione ed ascolto attivo, empatia, coaching & mentoring.

Invece, Il Sole 24, più vicino alla realtà italiana, a Novembre 2019 cerca di spiegare ad un livello abbastanza alto, con delle interviste, cosa sono le "soft skill", come si differenziano dalle "hard", qual'è la loro importanza e le dinamiche di mappature e valorizzazione a beneficio delle aziende.

Per concludere, mi è piaciuto il dato evidenziato da una ricerca secondo cui il successo sul lavoro, nel lungo periodo, dipende per il 75% da Soft Skills e solo per il 25% dalle competenze "tecniche".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *