Bastano 11 competenze trasversali per avere successo sul lavoro?

Il tema delle "soft skills" o "competenze trasversali" è sempre di grande attualità; libri ed articoli citano le soft skill e stilano classifiche per riconoscere quelle più importanti e richieste nel 2020.

In questo articolo presento il libro di Gaetano Carlotto SOFT SKILLS, Convincere con le competenze trasversali e raggiungere i propri obiettivi, pubblicato nel 2015 da FrancoAngeli.

L'autore dedica il libro "a chi cerca una spinta per ripartire"; in effetti, è un "libro da comodino", motivazionale...
Gli argomenti sono suddivisi in 13 capitoli, dei quali 11 sono dedicati a descrivere ed esemplificare ogni particolare "soft skill":

  1. la comunicazione - conversazione orale, scrittura, presentazione, ascolto, gestualità etc...
  2. la motivazione - capacità di lavorare in squadra, collaborare, ascolto attivo, aiutare, emotional intelligence / EQ, coaching & mentoring
  3. la leadership - definire obiettivi e priorità, prendere decisioni critiche, risolvere problemi, pensiero laterale
  4. la negoziazione - conciliare, trovare compromessi, lungimiranza, valutare rischi ed opportunità
  5. l'empatia - socievolezza, interesse per le emozioni degli altri, capacità di chiedere scusa, mettersi nei panni dell'altro...
  6. la fiducia in se stessi - confidenza, professionalità, equilibrio
  7. l'ottimismo - attitudine alla positività, entusiasmo, incoraggiamento, felicità
  8. la tensione al risultato - responsabilità, mantenere impegni, disciplina, capacità di concentrazione, desiderio di fare bene, concentrazione, gestione del tempo
  9. la flessibilità - adattabilità, propensione al cambiamento, apprendimento continuo
  10. la creatività - fantasia, nuove soluzioni
  11. l'intraprendenza - iniziativa, auto-motivazione, auto-organizzazione

Altre competenze trasversali o "soft skills"

Tuttavia, non vi è ancora una chiara definizione e standardizzazione delle soft skills: infatti, alle volte vengono usati sinonimi. Altre ricerche riconoscono anche:

  • la cortesia - educazione interpersonale, rispetto delle persone, auto controllo, pazienza, propensione al ringraziamento ed all'apprezzamento degli altri
  • l'integrità - onestà, autenticità, correttezza, generare fiducia
  • l'etica del lavoro - impegno, puntualità, partecipazione

Secondo Forbes, la sfida del 2020 nell'ambito della gestione dei clienti (CRM), sarà quella di sviluppare nel personale delle organizzazioni, il controllo delle soft skills per far sentire "valorizzati" i clienti e gestire in modo appropriato quesiti e preoccupazioni; perciò, si punta su empatia, autenticità e capacità di generare fiducia.

La CNN invece dedica un articolo per ottimizzare un curriculum evidenziando e bilanciando sia le hard che le soft skills, in modo da corrispondere meglio alle attese di una offerta di lavoro.

Il Finantial Times suggerisce altri 5 soft skill che i lavoratori dovrebbero acquisire e sviluppare per avere successo in un contesto lavorativo sempre più mutevole: adattabilità, creatività, capacità di collaborazione ed ascolto attivo, empatia, coaching & mentoring.

Invece, Il Sole 24, più vicino alla realtà italiana, a Novembre 2019 cerca di spiegare ad un livello abbastanza alto, con delle interviste, cosa sono le "soft skill", come si differenziano dalle "hard", qual'è la loro importanza e le dinamiche di mappature e valorizzazione a beneficio delle aziende.

Mi è anche piaciuto il dato evidenziato da una ricerca secondo cui il successo sul lavoro, nel lungo periodo, dipende per il 75% da Soft Skills e solo per il 25% dalle competenze "tecniche".

Per finire, segnalo anche questo video di Niuko, un'altra realtà vicentina, che presenta in un video le competenze trasversali per l'Industria 4.0

Soft Skills che generano valore. Le competenze trasversali per l'industria 4.0

Lascia un commento